Lo spettacolo al gusto
di Caciocavallo e Gargano

"L'acquasala salverÀ il mondo"


Un emozionante percorso multisensoriale, tra un (ri)morso di caciocavallo, rigorosamente "podolico", ed una scodella di acquasala preparata al momento. Un inebriante e geniale ritorno al futuro, una commistione quasi perfetta di musica, parola dannata e folle energia. Un affascinante viaggio mistico che parte dal Gargano, dalle sue strade sterrate, dai suoi campanacci, dai muggiti delle vacche podoliche, dai belati delle capre, dal movimento energico, dalla passione e dal forte senso di appartenenza alla terra d'origine dei suoi pastori.

Il pensiero Gastrofilosofico del Podolicesimo

Il progetto nasce nel 2011 dall'incontro di esperienze musicali ed artistiche differenti, ma unite da tre comuni denominatori: il genio dei sapienti custodi della tradizione, la follia di un "pastore di mandrie musicali" ed altrettanto sapiente custode di "antiche tradizioni moderne". Il percorso di creazione dello spettacolo, pone le sue radici sulla volontà di portare innovazione al processo di sponsorizzazione e diffusione di prodotti tipici pugliesi in Italia e in Europa, facendo leva sull'immenso patrimonio artistico e gastronomico del nostro Paese.

Il reverendo è un selezionatore di vibrazioni: il cammino sonoro comincia con ritmi in movimento, musiche di confine. I racconti si susseguono e le voci crescono d'inten - sità. Sono i versi degli ultimi, dei pezzenti, dei mendicanti, di quelli che respirano il "polverone", voci antiche che continuano a risuonare, pronte a scuotere le coscienze. Nomadi nel corpo e nello spirito, anime vaganti in attesa di giustizia; nell'attesa che l'oblio in cui sono state gettate possa dissolversi, facendo largo al ricordo che germoglia nella memoria collettiva.

Un viaggio che assume le forme di una redenzione salvifica per queste anime. Creare comunità nelle comunità, mettere insieme le anime buone della società, condividere un tozzo di pane, un calice di vino, lasciarsi andare all'armonia della condivisione, imparare cose nuove e concedersi alla gratitudine di un'abbraccio spontaneo. Tutti sono i benvenuti a prender parte a questo viaggio mistico, attraverso cui lasciarsi andare ai ricordi, alla gioia dello stare insieme, riscoprendo, facendo ricorso ai quattro sensi, la verità !